Glossario dell’email marketing – I

Immagini incorporate (o embedded)

Quando invii un’email, eventuali immagini possono essere incluse in due forme:

1 – Attraverso un indirizzo web (URL)

Al momento della ricezione del messaggio, le immagini sono automaticamente richiamate dal client di posta del destinatario. In altre parole, le immagini sono ospitate su un server e quindi non “pesano” sull’email. Questa è la soluzione adottata dalle principali piattaforme di email marketing, anche perché i sistemi di tracciamento delle aperture usano come metrica proprio lo scaricamento delle immagini.

Queste email hanno meno probabilità di venire considerate spam perché prive di allegati. Di contro, alcuni client di posta, soprattutto le webmail, costringono il destinatario a sbloccare manualmente le immagini se intende visualizzarle;

2 – Attraverso allegati all’email (embedded)

Queste immagini hanno più chance di essere visualizzate all’apertura dell’email, ma l’incidenza dei filtri anti-spam – insospettiti da un peso relativo maggiore e dalla presenza stessa degli allegati – è più alta.

Impressioni

Nel linguaggio del web marketing, è il numero di volte che una pagina o un link vengono visualizzati dagli utenti. Non corrisponde al numero di clic sul link medesimo. Tutti gli strumenti di promozione a pagamento su internet, Google Ads e social network compresi, inseriscono le impressioni tra le metriche più importanti.

Inbound link (o inbound backlink)

Sono i link che una qualunque pagina del tuo sito riceve da altri siti internet. In teoria, più sono i link in entrata maggiore è l’attenzione che i motori di ricerca possono riservare ai tuoi contenuti. Ma il vero valore del backlink non sta nei numeri, quanto nell’autorevolezza (sempre dal punto di vista di Google) dei siti internet da cui i link provengono.

Siccome questo sito contiene una buona descrizione dei backlink, noi gliene offriamo uno!

Inbound marketing

Si tratta della branca del marketing che mette l’accento sulla creazione di contenuti su misura per determinati gruppi di (potenziali) clienti. L’obiettivo è creare relazioni durature con gli utenti, evitando di “sparare nel mucchio”, rivolgendosi invece a una fetta di mercato con interessi, problemi ed aspettative più uniformi.

Se il tuo brand diventa un punto di riferimento per uno gruppo di utenti, per esempio attraverso un blog come questo, sei sulla strada giusta per conquistare nuovi clienti.

Indicizzazione

È il processo attraverso il quale i contenuti web (per esempio le pagine del tuo sito) vengono resi visibili dai motori di ricerca come Google. Questo procedimento può richiedere mesi dalla pubblicazione di un nuovo contenuto, senza contare che i parametri usati dai motori di ricerca per “far salire” una pagina nel ranking non sono noti.

Esistono però alcuni punti fermi sulle caratteristiche di una pagina che ha del potenziale di indicizzazione. Il contenuto è originale e non copiato altrove sul web, induce gli utenti a rimanere sulla pagina per un tempo non breve (quindi, è interessante), riceve backlink “di qualità” e contiene link che rimandano ad altre pagine dello stesso sito.

La disciplina che ruota intorno alle tecniche per creare contenuti web rilevanti e promuoverli all’interno dei motori di ricerca è il SEO, Search Engine Optimization.

Integrazioni

Limitatamente ai siti di email marketing come eMailChef, si tratta di interfacce appositamente realizzate per mettere in comunicazione la piattaforma e alcuni servizi esterni. In pratica, servono a ridurre le operazioni manuali necessarie per la creazione e l’invio dei messaggi.

eMailChef è specializzata nelle integrazioni con i principali servizi di ecommerce: Magento, Prestashop e WooCommerce. Altre sono disponibili per il CMS WordPress e per i social network.

Tecnicamente parlando, due programmi si trasmettono reciprocamente dati attraverso le API, Application Program Interface.

IP

  • L’internet protocol è un stringa di numeri composta da quattro gruppi di cifre, da 0 a 255 e separati da un punto, che identifica univocamente un computer connesso al web, server compresi.

  • indirizzo ip esempio

Quando si parla di piattaforme di email marketing, la scelta è sempre tra indirizzo IP condiviso oppure dedicato. Abbiamo realizzato una guida per aiutarti a scegliere con consapevolezza.

IP warm-up

La reputazione di un nuovo indirizzo IP deve essere creata da zero. L’assenza di cronologia, infatti, è un fattore considerato negativamente dai server di posta elettronica. Il warm-up procede attraverso invii ridotti e controllati di email dal nuovo IP. I volumi vengono incrementati poco a poco e le liste di destinazione attentamente monitorate.

Quando acquisti un piano di email marketing come quelli a disposizione su questa piattaforma, il nostro team si occupa di effettuare il warm-up per te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi con * sono obbligatori.