Tutte le statistiche di email marketing aggiornate al 2024

Gli ultimi numeri e le statistiche da tenere d’occhio se fai email marketing nel 2024.

Il mondo dell’email marketing è sempre più dinamico e in costante evoluzione. E ora più che mai l’efficacia di una strategia dipende dalla capacità di adattare la tua comunicazione alle nuove esigenze degli utenti e alle ultime tendenze digitali

Nel 2024, l’email marketing continua a detenere il suo ruolo di protagonista nelle strategie di comunicazione aziendale, e per comprendere appieno il panorama attuale, abbiamo raccolto e analizzato le statistiche più rilevanti del settore. 

Quindi, se ti interessa migliorare il ROI del tuo email marketing nel 2024, ti trovi nel posto giusto.

Email marketing: le principali statistiche del 2024.

  • L’email marketing genera in media 42€ per ogni euro investito.
  • Circa il 60% delle email viene letto ogni giorno da mobile.
  • L’81% delle PMI dichiara di usare l’email marketing per raggiungere i propri clienti.
  • L’89% dei marketer utilizza l’email marketing come canale primario per la generazione di lead.
  • L’82% dei marketer in tutto il mondo si serve dell’email marketing per comunicare con i propri clienti.
  • Il 99% degli utenti dichiara di controllare la propria casella almeno una volta al giorno.
  • I professionisti del marketing hanno riscontrato un aumento del 760% del fatturato grazie alla costruzione di liste email e all’utilizzo di campagne email.
  • La metà della popolazione mondiale possiede un indirizzo email, con un totale di 4,3 miliardi di account a livello globale.
  • 4 su 5 marketer dichiarano di preferire l’email marketing ai social media.

Ma quanto è realmente efficace l’email marketing?

L’email marketing rimane senza dubbio tra gli strumenti di marketing più efficaci anche nel 2024.

Il 99% degli utenti dichiara di controllare la propria casella di posta ogni giorno e la diffusione dei dispositivi mobili ha reso le email ancora più accessibili sempre e in qualsiasi contesto.
Non sorprende quindi che i marketer continuino a sfruttare il marketing via email.

Ma come misurare l’efficacia dell’email marketing?

Puoi scoprirlo monitorando una metrica fondamentale: il ROI, o ritorno sull’investimento. Misurandolo, infatti, puoi determinare in modo esatto il successo della tua campagna.

E se si confronta l’email marketing con altre strategie di marketing, il ROI dell’email marketing non può sicuramente essere battuto.

Con un ritorno sull’investimento pari a 42€ per ogni euro investito, infatti, l’email marketing continua a essere lo strumento più potente per portare la tua attività al livello successivo.

Questo equivale a un ROI (o ritorno sull’investimento) del 4.200%!

Si stima che ci siano 4,3 miliardi di persone che utilizzano le email in tutto il mondo.

Dal momento in cui le email hanno aperto una nuova era nella comunicazione negli anni ’70, la loro diffusione è cresciuta sempre di più. Nel 2022, gli utenti che usavano regolarmente le email ammontavano a 4,3 miliardi. Ovvero alla metà della popolazione globale!

Si prevede che questo numero crescerà a 4,6 miliardi entro il 2025. Da questi utenti, vengono inviate e ricevute oltre 300 miliardi di email ogni giorno.

Fonte: Statista.

Solo il 25% delle aziende ritiene di monitorare adeguatamente il ROI dell’email marketing.

Nonostante l’altissimo ritorno sull’investimento, alcune aziende hanno difficoltà nel calcolare l’effettivo ROI del proprio email marketing. Meno del 13% ha infatti affermato di analizzare il proprio ROI bene o molto bene.

Un sorprendente 50% ha ammesso di misurare il ROI male, molto male o per niente!

Fonte: Litmus.

Il marketing via email rappresenta il canale di marketing più efficace secondo le aziende.

Le aziende continuano a proclamare l’email marketing come la strategia di marketing digitale più efficace a disposizione, seguita dalle ADS/annunci a pagamento, dalla ricerca organica e infine dai social media. Il 79% dei marketer ha incluso le email tra i primi tre canali di marketing principali.

Fonte: Hubspot.

Il 46% delle persone dichiara che desidera ricevere aggiornamenti sui suoi brand preferiti tramite email.

Non c’è dubbio che ci piacciano le email promozionali, ma con quale frequenza? Secondo uno studio condotto su 2.057 adulti, oltre il 60% di loro apprezza ricevere email promozionali settimanali. Il 38% vorrebbe ricevere email ancora più frequentemente, mentre il 15% le desidera giornaliere! L’86% degli intervistati dichiara che vorrebbe ricevere almeno un’email al mese.

Fonte: Hubspot.

4 marketer su 5 preferirebbero rinunciare ai social media piuttosto che all’email marketing.

I social media possono essere la piattaforma di marketing più popolare per i brand, ma nel 2021 il 95% dei marketer ha constatato che una strategia di marketing via email ben strutturata è stata capace di raggiungere gli obiettivi con maggiore efficacia. Ecco perché l’80% dei marketer preferirebbe rinunciare completamente ai social media piuttosto che rinunciare all’email marketing.

Fonte: Hubspot.

Il 54,9% delle email di carrello abbandonato ha convertito gli iscritti in clienti.

Le email di carrello abbandonato sono risultate essere quelle più performanti, raggiungendo quasi il 55% di conversione. Questo risultato è stato del 168% superiore rispetto alla media delle email inviate.

Fonte: Barilliance.

Il 63% dei marketer nel mondo utilizza l’email marketing.

Globalmente, più di 6 marketer su 10 utilizzano regolarmente le email per le proprie campagne di marketing. Il 65% dei marketer riporta inoltre di utilizzare automazioni via email. Più di due terzi di questi marketer hanno dichiarato che il successo delle loro campagne via email è rimasto stabile o addirittura migliorato nel 2020, nonostante una pandemia globale.

Fonte: Statista.

Il 77% dei marketer ha segnalato un aumento dell’engagement via email.

Questa cifra è stata raccolta nel 2021, ma rimane valida ancora oggi. Il 49,5% dei marketer aveva infatti pianificato di aumentare il proprio budget destinato all’email marketing, notando un crescente coinvolgimento da parte del pubblico e, di conseguenza, un miglioramento del ROI.

Fonte: Hubspot.

Il 73% dei marketer ritiene che l’email marketing sia fondamentale per il successo di un’azienda.

Quasi tre quarti dei marketer ritengono che l’email marketing sia decisivo per il successo complessivo della loro azienda. Tuttavia, un terzo di loro ammette che l’email marketing non è ancora stato integrato con il resto del programma di marketing.

Fonte: Hubspot.

Il tasso medio di apertura delle email nel mondo è del 20%.

Quasi il 20% di tutti i destinatari apre le email arrivate nella propria casella di posta. Questo genera un tasso medio di clic (CTR) del 2,6%. Le email di marketing in particolare mantengono un tasso medio di apertura del 14,1%, con solo lo 0,1% di disiscrizioni.

Le email che ottengono il tasso di apertura più alto sono però le email di benvenuto, con una media del 69% di aperture (arrivando fino all’80%).

Fonte: Statista.

Il venerdì registra i tassi di apertura più elevati, quasi al 19%.

L’ultimo giorno della settimana lavorativa sembra essere un giorno di successo per pianificare le tue campagne. Infatti, è proprio il venerdì che i tassi di apertura sono più elevati. 

Ti consigliamo però di condurre comunque un test A/B per determinare il giorno e l’orario migliori per il tuo pubblico. 

Ps: Le aziende che conducono test A/B sulle email generano un ROI di 48:1 😉.

Fonte: Hubspot.

Il 59% delle persone afferma che l’email marketing è capace di influire sulle decisioni d’acquisto.

Sembrerebbe che l’email marketing sia in grado di influenzare le decisioni d’acquisto di quasi 6 iscritti su 10. Almeno una volta al mese, il 50,7% degli intervistati afferma di avere acquistato qualcosa dopo aver ricevuto un suggerimento di acquisto via email. 

Il 23,8% delle persone, invece, effettua un acquisto con queste modalità diverse volte al mese e il 3% lo fa più di una volta a settimana!

Fonte: Hubspot.

Hai trovato interessante questo articolo?
Condividilo con i tuoi contatti!